Sabato, 7 Settembre, 2013 - 18:52 - L.Q.

10 vini per 10 foodblogger - Sara Casiraghi

Continua il racconto di come ha preso il via il Network di acquisto di Goodmakers a dicembre 2012.

Per chi non avesse già letto il primo episodio e voglia informarsi, può farlo a questo link.

In ogni caso, a tutte le food blogger intervenute, abbiamo posto quattro domande perché possano raccontarvi quello che pensano di Goodmakers e del vino ricevuto e, con l’occasione, possano offrirvi qualche consiglio di abbinamento e, perché no, qualche nuova ricetta.

 

Questa volta tocca a Sara Casiraghi del blog Pentolapvessione 

In un batter d’occhio Sara è passata dall’estetica del disgusto come tema di ricerca universitaria, a quella del gusto. Regista e “deus ex machina” al femminile di tante cene creative, collettive e tematiche, tra un corso di cucina e una lezione di bon ton, si è assunta il compito di portare a termine un’impresa titanica: attualizzare il Talismano della felicità di Ada Boni, che ha fatto scuola a generazioni di mamme e nonne, riproponendo tutte le ricette nella cucina di casa sua a un gruppo di convitati sempre diversi che accoglie nella cucina di casa sua.

 

Di Goodmakers parla già nella home page del suo blog, ma gli ha anche dedicato un post in cui racconta di essersi accordata con un gruppo di amici per acquistare alcuni dei vini della vendita di febbraio e di averli assaggiati insieme a loro durante una cena del Talismano della felicità. Se siete curiosi di conoscere l’incontro tra le ricette di Ada Boni e i vini dei “buoni produttori” di Goodmakers lo potete fare a questo link.

 

Quanto alle nostre domande, queste sono le sue risposte

 

Che cosa ne pensi di un portale dedicato ai “buoni produttori” di vino?

Mi sembra una buona idea, utile sia ai produttori che possono così farsi conoscere meglio e da più persone, sia ai consumatori che possono così conoscere produttori nuovi e documentarsi con maggior facilità.

 

E dell’idea di creare una versione social dei GAS (Gruppo di Acquisto Solidale) per diffondere i loro prodotti?

Credo che anche questa sia una buona idea. I GAS solitamente garantiscono un'alta qualità a una cifra interessante. Ben venga la loro diffusione, a patto che mantengano le loro caratteristiche.

 

Ti è piaciuto il FIANO SANNIO D.O.C. 2011 di Terra di Briganti e perché? 

Molto, vorrei essere stata così lungimirante da averne conservata qualche bottiglia per l'estate. Secco e aromatico, un vino che fa per me.

 

Con quale ricetta consigli di accompagnarlo?

Ah se ripenso a quel Fiano Sannio che assaggiai grazie a Goodmakers, al suo brillante color giallo al profumo di erba limonina… che profumi e che schiettezza. E che brigante quel Fiano Sannio, che con la sua nota di mandorla finale ne berresti subito un altro fresco calice, e poi un altro ancora, accorgendoti solo alzandoti dalla sedia che ha una gradazione di 13 gradi e mezzo. Ti fa sognare il mare e una cena di pesce sulla spiaggia, il tramonto e il profumo della brace. Bene non resisto, scendo e in ricordo delle sue profumate note corro a comprare due sgombri!

Se volete scoprire che fine faranno i due sgombri nelle mani di Sara potete cliccare qui.

 

[Crediti | Link e Immagini: Pentolapvessione.]

Commenti

Aggiungi un commento